5 serie tv iniziate nel 2016 da recuperare durante le vacanze di Natale

Il 2016 si sta per chiudere e come sempre è tempo di bilanci in tutti i settori dell’intrattenimento, non ultimo quello del piccolo schermo. Ebbene, quali sono le serie tv iniziate in questo 2016, che meriterebbero, se non si è avuto modo di vederle, di essere recuperate durante le festività natalizie. Di seguito ecco alcune serie tv iniziate in questo anno che sta terminando e che potrebbero riempire le giornate di vacanza.

Due serie della tv “generaliste” per cominciare

Da tempo si dice che quelle che si potrebbero definire le “tv generaliste” made in USA non riescano più a sfornare serie tv di livello, data la fortissima concorrenza delle tv via cavo a cui si è aggiunta ora anche quella di Amazon e in particolar modo di Netflix.

Tuttavia questo 2016 ha segnato una minima inversione di tendenza, in particolar modo per merito di ABC e NBC, che hanno messo in campo prodotti interessanti come Designated Survivor e This is Us. La prima si poggia praticamente tutta sulla presenza di Keifher Sutherland e racconta la storia di un uomo che lavora per la Casa Bianca e che dopo un devastante attacco terroristico che ha spazzato via tutta la catena di comando del Paese si ritrova a diventare Presidente.

La qualità dello show non è eccelsa, ma la forza di questa serie tv sta nella capacità di suscitare una continua curiosità nello spettatore, oltre che nell’attore protagonista, che tutti conoscono.

La seconda è una serie targata NBC e si caratterizza per essere un drama che riuscirebbe a commuovere anche una persona con un cuore di pietra. Questa serie tv è considerata da tutti i critici come uno dei prodotti migliori dell’anno e ne è stata a più riprese elogiata la sceneggiatura.

Le serie che sono già “cult”

Ormai il termine “serie tv cult” viene spesso utilizzato per serie tv che in realtà non lo sono e non sono neanche destinate a diventarlo. Questo 2016 però passerà alla storia per essere stato l’anno della nascita di tre show che hanno tutte le carte in regola per essere definiti tali.

La prima di cui si deve parlare è senza dubbio The Young Pope, la serie tv che ha segnato l’ingresso del regista Premio Oscar Paolo Sorrentino nel mondo delle serie tv. Si può dire che questo esordio, considerando anche le tematiche trattate, sia stato tutto tranne che in punta di fioretto. Qualche telespettatore ha storto il naso davanti al finale della prima stagione, ma il prodotto rimane di fattura eccelsa e dalle parti di HBO ne sono consapevoli.

E questo 2016 per HBO è stato semplicemente fenomenale, se si pensa che sull’emittente via cavo sono andate in onda anche The Night of e Westworld: se The Young Pope ha potuto contare su Jude Law come protagonista, queste due serie hanno avuto come volti principali John Turturro e Anthony Hokpins. La prima è stata definita la migliore serie crime dell’anno e racconta la storia di un avvocato in cerca di un riscatto attraverso la difesa di un ragazzo accusato di omicidio.

La seconda è a detta di molti la serie tv dell’anno e piacerà moltissimo a chi ha amato alla follia Lost, ma anche perchè di Lost non ripete gli errori. HBO ha puntato moltissimo su questa serie tv tratta da un film di Micheal Crichton e ha avuto assolutamente ragione considerando gli ascolti ottenuti e le critiche entusiastiche di tutta la critica, non solo quella americana.