James Bond 007, i film: storie di una spia senza tempo

Chi e’ l’agente 007 james bond

L’agente segreto James Bond, protagonista di moltissimi film di azione, è una spia segreta – contrassegnata dal numero di matricola 007 – che opera al servizio di Sua Maestà, la regina d’Inghilterra.

Proprio dalla sua matricola si evince la missione del suo operato: il doppio zero che precede il numero sette indica, appunto, che ha autorizzazione ufficiale ad uccidere.

Raffinato ed elegante, affascinante e maledetto, nei film di 007 James Bond viene affiancato di volta in volta da donne bellissime che, ovviamente, si innamorano di lui. Ma l’agente segreto Bond non ha tempo di dedicarsi all’amore perché è subito pronta una nuova avventura che lo vede coinvolto contro il cattivo di turno.

Fra sparatorie, inseguimenti e auto da sogno – componente essenziale di tutti i film di 007 James Bond – la spia più amata della Gran Bretagna, ma più odiata dai suoi nemici, trova il tempo per combattere il Kgb russo, arrivare all’altare (senza mai sposarsi, però), avere relazioni che durano il tempo di un film, salvare la propria vita e quella degli altri.

Da dove traggono ispirazione i film di james bond

I film di James Bond, agente 007, sono liberamente ispirati al ciclo di romanzi che lo vede protagonista. Infatti, l’agente segreto è il personaggio principale di una serie di libri scritti da Ian Fleming, scrittore ovviamente britannico.

Il primo romanzo della serie si chiama Casino Royal ed è pubblicato nel 1953.

Nasce, quindi, con esso il famoso personaggio che acquisterà un po’ per volta, romanzo dopo romanzo, le caratteristiche che tutti conosciamo attraverso i film che sono prodotti in esclusiva dalla EON Productions Ltd.

Dal 1953 al 1966 vengono scritti da Flaming 15 romanzi che narranno altrettante avventure di James Bond. Alla sua morte, la casa di produzione Glidorose – che lo stesso Flaming aveva fondato – affida la stesura del nuovo romanzo a Robert Markham, pseudonimo utilizzato da un famoso scrittore brittanico, Kingsley Amis.james-bond

Successivamente, moltissimi altri autori si sono cimentati nella scrittura di avventure di James Bond fino ad arrivare ad Anthony Horowitz che nel 2015 dovrebbe pubblicare “Trigger mortis”, l’ultimo episodio in ordine di tempo di 007.

Agente 007: i film dedicati a james bond

Sono in tutto 24 le pellicole dedicate a 007 James Bond, più altre tre che sono prodotte da altre società e non rientrano nella saga ufficiale.

Nel corso della lavorazione dei 24 film – l’ultimo in uscita in Italia il 5 novembre 2015 – si sono susseguiti diversi registi che, di volta in volta, hanno potuto dare una lettura più o meno personale alle vicende dell’agente segreto.

Sempre molto presente, però, la supervisione della casa di produzione che detiene i diritti dei film.

La prima pellicola è del 1962 e si chiama “Agente 007 – Licenza di uccidere”, per la regia di Terence Young.

L’anno dopo è la volta di “A 007, dalla Russia con amore”, sempre dello stessa regista mentre nel 1964 dietro la macchina da presa appare Guy Hamilton per “Agente 007 – Missione Goldfinger”.

Dopo una breve parentesi alla regia di nuovo di Young nel 1965 con “Agente 007 – Thunderball: Operazione tuono”, nel ’67 alla regia c’è Lewis Gilbert per “Agente 007 – Si vive solo due volte”; nel 1969, invece, è la volta di “Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà” per la regia di Peter R. Hunt.

Dal 1971 al 1974 dietro la cinepresa torna Guy Hamilton che dirige “Agente 007 – Una cascata di diamanti”, “Agente 007 – Vivi e lascia morire” e “Agente 007 – L’uomo dalla pistola d’oro”.

Nel 1977 e nel 1979 la regia è affidata nuovamente a Lewis Gilbert che porta a termine “La spia che mi amava” e “Moonraker – Operazione spazio”. Dal 1981, invece, è la volta del regista John Glen che dirige ben cinque episodi della saga: “Solo per i tuoi occhi”, “Octopussy – Operazione piovra”, “007 – Bersaglio mobile”, “007 – Zona pericolo” e “007 – Vendetta privata”.

james_bond_in_picturesDal 1995, il cambio di protagonista significherà anche il cambio di regista. Si susseguono, infatti, una serie di registi ed interpreti nel tentativo di ridare smalto e appeal ad una serie che viene proposta da tantissimi anni.

Così, uno dopo l’altro, vengono chiamati a dirigere l’agente 007 prima Martin Campbell poi Roger Spottiswoode, Michael Apted e Lee Tamahori rispettivamente per “GoldenEye”, “Il domani non muore mai”, “Il mondo non basta” e “La morte può attendere”.

Nel 2006, con l’arrivo nei panni di James Bond di Daniel Craig in “Casino Royal” torna anche Martin Campbell che, però, nel 2008 cederà il posto a Marc Forster per “Quantum of Solace”.

Gli ultimi due film di 007 – “Skyfall” e “Spectre” – hanno la firma del regista britannico Sam Mendes, già vincitore del premio Oscar con “American Beauty”.

Gli attori che hanno interpretato i film di 007, james bond

Si da quando James Bond ha fatto comparsa nei primi film di 007, la EON Productions Ltd – la società di produzione delle pellicole ufficiali di James Bond – ha posto molta cura nella scelta del volto che avrebbe interpretato l’agente segreto.

Il personaggio di James Bond, infatti, si caratterizza per la sua aria affascinante, irraggiungibile, quasi da canaglia, e per questo non può essere interpretato da chiunque.

Nel corso degli anni sono stati sei gli attori che hanno interpretato James Bond, nei film tutti rigorosamente britannici ad eccezione di uno, che invece è australiano.

Per individuare l’interprete del primo film dedicato a James Bond fu indetto un concorso ufficiale che individuò una rosa di sei papabili candidati che furono, poi, sottoposti ad insindacabile giudizio del suo padre putativo Fleming e di due dei produttori esecutivi, Broccoli e Saltzman.

Uscì vincitore di questo concorso un modello di nome Peter Anthony, bellissimo ma senza alcuna predisposizione per la recitazione, tanto che fu poi escluso e al suo posto fu chiamato un altro dei sei finalisti, lo scozzese Sean Connery.

Proprio Connery è stato uno dei James Bond più duraturi, con ben sei film all’attivo.

Dopo Sean Connery – che rimane, forse, lo 007 più amato – si susseguirono nella parte prima George Lazenby, con un solo film, e poi Roger Moore che ha il primato del maggior numero di film (sette) nel periodo di tempo più lungo (dodici anni).

Dopo di lui fu la volta di Timothy Dalton con due pellicole, Pierce Brosnan con quattro film e, infine, Daniel Craig che è stato James Bond per quattro volte.

Daniel craig, l’ultimo agente 007

Daniel Craig è, in ordine di tempo, l’ultimo James Bond. La sua interpretazione è durata dal 2006, anno di Casino Royale, fino all’ultima puntata della saga, Spectre, la cui uscita è prevista per novembre 2015.

L’attore sarà ricordato per essere stato quello che ha riportato sullo schermo il personaggio di James Bond molto più simile a quello letterario, interpretando un giovane 007 a tratti anche inesperto, sicuramente molto più rude e violento rispetto a quello dei primi film della serie dedicata all’agente segreto.

L’attore ha già annunciato di non essere intenzionato a proseguire con il personaggio.